Prima di andare a Genova – 4. Prendere il nero

Su Musica! di Repubblica (per i più giovani: l’antenato settimanale di XL) del 12 ottobre 2000 appare un diario, firmato da Zulu e Meg dei 99 Posse, delle manifestazioni del settembre 2000 contro la riunione del Fondo Monetario Internazionale.
Vi si legge:

L’assemblea si divide subito in tre sottoassemblee di gruppi di affinità: i rosa pacifisti non violenti stile fricchettone post-gandhiano; i gialli, le famigerate tute bianche; i blu, punk anarchici greci e inglesi misti a realtà antagoniste italiane non schierate con le tute bianche. Ognuno di questi gruppi gestirà una delle tre vie d’accesso al centro congressi con un comune obiettivo: bloccare l’assemblea dei delegati del FMI e della Banca mondiale. Ai rosa toccherà la strada alla sinistra del ponte dove suoni e colori saranno le uniche armi consentite. Ai gialli toccherà il ponte dove con l’ausilio di gommoni, caschi e protezioni corporee autocostruite si tenterà di aprire un varco nello schieramento avversario. Ai blu i sentieri alla destra del ponte, scenario ideate per la guerriglia metropolitana, disciplina questa nella quale primeggiano i punk anarchici ma sanno farsi apprezzare anche molti centri sociali italiani.

E, la settimana dopo, quando il racconto arriva al giorno della manifestazione:

Alle 5 dopo 4 ore di corpo a corpo si odono delle esplosioni dalla zona dei blu (soprattutto punk anarchici greci e inglesi ndr). Inconfondibili: molotov. II congresso e sospeso per la sicurezza dei delegati e le tute esauste si ritirano. I blu di sotto sono nel pieno degli scontri, giungono voci di ogni genere. C’è confusione, rabbia. Si decide che, il modo migliore per aiutare i blu sia creare dei diversivi per deviare un pò di polizia da loro a noi e così si va tutti in corteo all’Opera inscenando decine di blocchi stradali volanti. L’obiettivo è raggiunto, alle 18 quando la pressione della polizia sui blu si fa così esigua da permettere anche agli ultimi di loro di raggiungere l’Opera. A questo punto gli inglesi iniziano una serie di assalti mordi e fuggi a ristoranti con delegati, McDonald e hotel con delegati provocando cariche selvagge della polizia nelle quali ci imbattiamo noi italiani sulla strada del rientro al campo dove c’era da organizzarsi per la partenza del treno.

Per quanto mi ricordi (e scoprire che su internet entrambi gli articoli erano ancora disponibili è stata una bella sorpresa), questa è stata la prima volta che ho sentito parlare di quello che nel pomeriggio del 20 luglio 2001 avrei imparato a chiamare “black bloc”.
Il black bloc, nato pare in Germania negli anni ottanta, non è un associazione o un gruppo, ma un modo di “stare in piazza”. “Bloc” significa “spezzone”.
Nonostante sia una pratica diffusa in Europa e Stati Uniti per una ventina d’anni prima del 2001, in Italia il termine non ha, prima di Genova, una grande fortuna. Repubblica ne parla per la prima volta il 27 giugno 2001, dopo gli scontri a Goteborg:

Al di fuori della Rete organizzata si muovono altre sigle dell’antagonismo, i duri e puri teorici degli scontri anche se con sfumature differenti. Ci sono i cosiddetti “sfaciavetrine”, che hanno l’obiettivo di sfondare e devastare i simboli della globalizzazione come le banche e i Mc Donalds alzando quindi il livello dello scontro come successo a Napoli in occasione del Global Forum. Dentro ci sono alcune frange più dure dei centri sociali ed anche alcuni collettivi anarchici ma in gran parte vengono dall’estero. Così come da fuori confine arrivano i più pericolosi, quelli del Black Bloc visti in azione a Goteborg. Casseur francesi, anarchici insurrezionalisti, squatter, punkabestia, movimenti antimperialisti in particolare del nord Europa. E’ la parte violenta del movimento, quelli che vanno in piazza con le molotov e le spranghe a cercare lo scontro.

E poi, in un articolo del 19 luglio, scrive:

 Altri, i famigerati “Black block” faranno di più e di peggio, ma, probabilmente, non saranno insieme al Gsf.

Nell’estate del 2001, Bonini e D’Avanzo, ricostruendo i fatti del G8 genovese racconteranno di un incontro tenutosi prima delle manifestazioni tra i rappresentanti delle Tute Bianche e i rappresentanti del Black Bloc per tenere separati luoghi e tempi delle azioni violente e del corteo dei Disobbedienti. Per questo presunto incontro, Luca Casarini è finito sotto processo, dal quale è uscito poi assolto.
Nei giorni immediatamente precedenti la manifestazione del 20 luglio, l’allora presidente della Provincia Marta Vincenzi denuncia la presenza di vandali in un edificio messo a disposizione del Genoa Social Forum. Anche in questo caso la vicenda esce fuori a cose fatte:

Al centro c’è la questione di un edificio scolastico nella zona di Quarto (a levante della città) di proprietà della Provincia. La scuola era stata messa a disposizione di alcune organizzazioni non governative per ospitare partecipanti al Genoa Social Forum, ma, nei giorni precedenti alle manifestazioni e agli scontri, un gruppo di Black bloc si insedia nell’edificio, caccia gli altri ospiti e si dedica a distruzioni e vandalismi vari. La cosa viene riferita alla presidente della Provincia, Marta Vincenzi che manda un assessore a controllare. Il rapporto è agghiacciante: la scuola è nelle mani di gruppi di vandali. La Vincenzi comincia a tempestare di telefonate e lettere polizia e carabinieri. Riceve risposte del tipo: “Non si preoccupi. Stiamo indagando. Interverremo”.
Si sa che tra giovedì e venerdì un’auto della polizia si fa viva a Quarto. Dopo un rapido sopralluogo, constatato che i “Black bloc” sono tanti, i poliziotti se ne vanno assicurando che torneranno in forze. Poi, però, a Quarto non va più nessuno. Di qui l’esposto della Provincia che si salda alle denunce di tanti altri cittadini (omissione di atti d’ufficio e altri reati) che chiedono conto alle forze dell’ordine del perché non siano state impedite tante singole devastazioni di negozi e automobili.

Il 18 luglio va molto peggio a un gruppo di greci arrivati in traghetto ad Ancona.
Il governo ha ottenuto la sospensione del trattato di Schengen in vista del vertice, quindi si entra in Italia a discrezione delle forze dell’ordine:

E proprio l’arrivo di un gruppo di manifestanti greci nel porto di Ancona ha creato i problemi maggiori con scontri e feriti. Il primo traghetto è approdato alle 11 e i manifestanti vengono subito identificati. Sono questi, quelli che vengono respinti, ad impedire di fatto alla nave di muoversi perchè sosta sul pontone per lo sbarco. Del gruppo dei respinti farebbero parte anche anarchici e leader del movimento anti-globalizzazione, ma l’informazione è smentita dai manifestanti. A bordo del traghetto ci sono i turisti che stanno aspettando da ore di partire per la Grecia. La tensione è infine sfociata in una serie di scontri tra manifestanti greci e forze di polizia che stavano cercando di sgomberare il pontone. In serata il bilancio provvisorio, secondo fonti della polizia, è di dieci agenti feriti e di tre manifestanti.
E’ grave anche la situazione a bordo del Superfast 4, che sosta ancora al largo del porto, dove circa 200 persone del Blocco antimperialista in viaggio per Genova, ha dato vita a manifestazioni e cortei sulla nave coinvolgendo anche i turisti, esasperati a loro volta per l’ attesa.

Per il G8 genovese viene sospeso il trattato di Schengen, come già successo in precedenza in occasione di vertici dell’Unione Europea a Nizza (2000) e Goteborg (giugno 2001).
Chi sarebbero i “no global”, quindi?

About these ads

Lascia un commento

Archiviato in Prima di andare a Genova

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...