Archivi categoria: polonia

“Andiamo in Polonia” (15 di 15; l’importante è finire)

Va bene.

Siamo alla metà di marzo e tra un po’ (se mi approvano le ferie) prenotiamo le vacanze del 2013. E non ho ancora finito di parlare della Polonia (tutti gli episodi)

canaletto

Eravamo rimasti che avevo fatto un breve riassunto della storia di Varsavia nel corso della seconda guerra mondiale (per chi non ha tempo: rasa al suolo, ebrei sterminati, popolazione deportata).
Continua a leggere

1 commento

Archiviato in polonia, viaggio

“Andiamo in Polonia” (14 di 15: Refuse / Resist)

Con la dovuta calma, il resoconto del viaggio polacco si appresta alla sua conclusione e io compilo i moduli del Guinness perché non credo nessuno abbia mai trascinato così per le lunghe un post sulle vacanze.
Belli i tempi in cui scrivevo un post al giorno.

Schermata 2012-10-07 a 13.30.04

Eccolo qua sopra, il tragitto in tutto il suo splendore: si parte a sud con Cracovia, si risale toccando Wroclaw, Poznan, Torun fino ad arrivare a Danzica e poi giù tutta una tirata fino a Varsavia.
Danzica-Varsavia sono sei ore di treno.
Sei ore di treno filate, se non le avete mai fatte, sono una discreta rottura di palle. Certo, puoi leggere, puoi sonnecchiare, puoi guardare fuori dal finestrino, puoi chiacchierare, ma sono comunque tante.
Se poi il treno è il tipico residuato bellico da viaggio a lunga percorrenza sono ancora più lunghe.
Se poi i compagni di viaggio hanno qualche magagna rischi di non uscirne più. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in polonia, viaggio

“Andiamo in Polonia” (13 di 15; Malbork)

Money

Pensi ai Cavalieri Teutonici e ti viene subito un brivido lungo la schiena, sarà la parola “teutonici”, sarà perché furono loro a rendere cristiane a suon di mazzate le ultime popolazioni pagane rimaste in Europa, quelle della Lituania. Fu un affarino di 200 anni che si concluse alla fine del XIV secolo e che consegnò i lituani alla Chiesa Cattolica e fece della Lituania il più settentrionale dei paesi cattolici.

Nell’immagine, Sir Magnus il Danese, cavaliere teutonico, impegnato a portare la Parola del Signore ai peccatori (Courtesy of Garth Ennis e Glenn Fabry, dalla miniserie Thor: Vikings)

I Teutonici erano nati in Terrasanta all’epoca della terza crociata, come i Templari e gli Ospedalieri, per iniziativa di cavalieri tedeschi – ovviamente – e si erano trasferiti in Europa abbastanza in fretta quando la Palestina era tornata in mani musulmane. Qui si erano rapidamente trasformati in una potenza militare e politica i cui possedimenti lungo il mar Baltico andavano dall’attuale Polonia fino all’Estonia.

Ovviamente, i Teutonici incrociarono le armi con il regno polacco più e più volte. Ai polacchi piace molto ricordare la battaglia di Grunwald, con la quale inflissero una pesantissima sconfitta all’Ordine, che ne ridimensionò le mire sul regno.
A Cracovia esiste un monumento dedicato alla battaglia, che fu la prima cosa che i tedeschi si presero la briga di smantellare appena conquistarono la città nel 1939. Fu ricostruito nel 1976 e le uniche parti originali sono alcuni stemmi che erano stati messi in salvo prima della distruzione.
I Teutonici, essendo tedeschi alla conquista dell’est europeo, si prestavano bene a simboleggiare la Germania nazista: l’associazione è esplicita nel famoso film di Ejzenštejn Aleksandr Nevskij, ma lo stesso regime nazista amava sottolineare la continuità con quell’esperienza, tanto che prese a modello per la costruzione di castelli in cui si svolgesse l’educazione delle future SS proprio la fortezza che era stata la sede dell’ordine, il castello di Malbork. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in polonia, viaggio

“Andiamo in Polonia” (12 di 15 – Westerplatte, first blood)

westerplatte

Un bel momento siamo lì che passeggiamo in riva al canale di Danzica, poco distante dalla Porta Verde (costruita per ospitare i re in visita, ma troppo gelida, e che oggi ospita tra le altre cose gli uffici di Lech Walesa*) e ci viene incontro un ragazzo con addosso una divisa militare della seconda guerra mondiale, completata da una benda sporca di sangue in testa. “Latrina!” esclamo ma quello non capisce la citazione di Top Secret! e si limita a darci il volantino della rievocazione dello scoppio della seconda guerra mondiale a Westerplatte, qualche giorno dopo.
Westerplatte è il nome di una striscia di terra proitettata sul mar Baltico, all’imbocco del canale di Danzica, dove tra le due guerre venne installata una base militare polacca. La situazione di Danzica dopo la Grande Guerra era un po’ ingarbugliata: la città stava in mezzo al famigerato “corridoio di Danzica”, creato per dare alla Polonia uno sbocco sul mare e che divideva i territori tedeschi della Prussia occidentale da quelli della Prussia orientale. Danzica, maggior porto della regione, aveva una popolazione a maggioranza tedesca ed era stata dichiarata “città libera” sotto il controllo della Società delle Nazioni, per quanto ai polacchi spettasse l’utilizzo del porto e una base militare, appunto quella di Westerplatte (già località termale). Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in polonia, viaggio

“Andiamo in Polonia” (11 di 15 – Libera città)

Arrivare a Danzica vuol dire arrivare in una delle città simbolo del Novecento europeo: qui è iniziata la seconda guerra mondiale e qui ha iniziato a morire il comunismo negli anni Ottanta. Per me è anche il punto più a nord in cui sia mai stato nel continente europeo (spodestando Amburgo) e per questo viaggio è anche la prima volta che arriviamo sul mare. Baltico, ma sempre mare.

Fedeli al motto sexpistolsiano di “cheap holidays in other people’s misery”, ci siamo concessi l’albergo bello davvero e caro per gli standard polacchi, situato in un antico mulino affacciato sul canale principale della città.
“Vabbeh, abbiamo prenotato con le offerte di Booking, ci avranno dato una stanza che dà verso l’interno di quest’isoletta dove non c’è niente,” ci diciamo in ascensore. Poi apriamo la porta della camera e sotto una delle quattro finestre della stanza sta passando il galeone dei pirati che si vede lì in alto. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in polonia, Uncategorized, viaggio

“Andiamo in Polonia” (10 di 15; Pandizenzero)

Giovane polacco non choosy impegnato in uno dei lavori scaccia-crisi più diffusi nel paese: il reggitore di frecce che indicano esercizi commerciali.

Torun è una piacevole cittadina con un incantevole centro storico medievale, nota per avere dato al mondo due cose molto importanti: Niccolò Copernico e il pan di zenzero.
Da Poznan ci si arriva con una corsa in treno di cui non ricordo assolutamente niente se non che Lucilla si è addormentata (ma la mia collezione di foto delle vacanze contiene un’enorme quantità di foto di Lucilla addormentata su praticamente qualsiasi mezzo di locomozione terrestre, acquatico o aereo esistente, quindi non è un fatto molto significativo).
Approfittando del cambio favorevole, ci siamo concessi un albergo di quelli graziosi, una piccola struttura con poche camere in un palazzo medievale, dal soffice nome di “Le petite fleur”. Arriviamo in città che piove. Non fortissimo, ma piove. Sul foglio della prenotazione c’è scritto che il check-in è alle 14.30. Sono le 12 ma ci proviamo lo stesso, nella speranza che la stanza sia già pronta. Dire che la signorina alla reception ci accoglie con freddezza è un eufemismo. Ci concede graziosamente di lasciare gli zaini tipo nel cesso e ha un attimo di scompenso quando le chiedo se si può usare il bagno. Per fortuna il posto è molto, ma molto, carino, perché il primo impatto è un po’ da capate in faccia. Comunque la situazione peggiorerà. Oh, se peggiorerà. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in polonia, viaggio

“Andiamo in Polonia” (9 di 15; la più bella statua del Papa)

Episodi precedenti: 1 2 3 4 5 6 7 8

Poznan, la piazza con Nettuno

Poznan l’avete forse sentita nominare perché l’Italia ci ha giocato due partite del primo girone degl Europei, ed è stata la terza tappa (di sei) del nostro giro polacco, dopo Cracovia e Wroclaw. A causa di questa scelta di percorso, ci siamo imbattuti in uno strano effetto prospettico: la piazza vecchia di Wroclaw ci era sembrata la versione in scala ridotta di quella di Cracovia e quella di Poznan ci è subito sembrata la versione in scala di quella di Wroclaw.
Infatti anche qui abbiamo trovato uno spazio rettangolare delimitato da edifici in stili differenti, con altri edifici al centro della piazza e un municipio monumentale. A Poznan si bullano che il municipio, rinascimentale, è opera di un architetto italiano: in realtà l’architetto era di Lugano. Il municipio ha una sobria lunghissima iscrizione che tesse gli elogi della casata che lo commissionò e alcuni tondi con ritratti di uomini illustri dell’antichità classica, interessanti perché di fianco a Spartaco compaiono “I TIRRANICIDI”.

Mi sfugge solo il caso, di Tyrannicidae

Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in polonia, viaggio

“Andiamo in Polonia” (8 di 15, cose che possono dare fastidio)

Riassunto: mai arrivare troppo presto in aeroporto, ma andate a Cracovia che è bella, basta stare attenti agli italiani idioti e alle vespe fuori dalle miniere di sale. Inoltre, a Wroclaw occhio che si inciampa negli gnomi e che gli oggetti dipinti possono essere più lontani di quello che sembrano.

Gente che ha vinto tutto

Che poi, questa cosa che i polacchi sono cattolicissimi a volte smette di essere divertente e affascinante e diventa da prendere a craniate sul naso qualcuno.

Metti per esempio che sei a Wroclaw e ti stai avventurando nella parte della città costruita sulle isolette dell’Oder (lo stesso fiume della Francoforte meno famosa, mentre quella della fiera del libro e della BCE sta sul Meno) quando di colpo, sul fianco di una chiesa ti trovi una serie di cartelloni dedicati all’aborto. Una serie di cartelloni piuttosto espliciti dedicati all’aborto, in mezzo a una strada, con fetini a pezzi, sangue e Hitler.

L’ho presa da lontano ma qualcosa si intravede.

Passato il momento in cui ti domandi se si può fare una cosa del genere, ti domandi se forse invece di sbatterti in faccia Hitler non sarebbe più pratico non fare finta che i preservativi non esistono (vedi post precedente). Notizia del giorno: la risposta è . Pensa un po’. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in polonia, viaggio

“Andiamo in Polonia” (7 di 15; trompe l’oeil)

Riassunto: mai arrivare troppo presto in aeroporto, ma andate a Cracovia che è bella, basta stare attenti agli italiani idioti e alle vespe fuori dalle miniere di sale. Inoltre, a Wroclaw occhio che si inciampa negli gnomi.

Mezzucci per aumentare le visite al blog.

Una cosa buffa che dovete sapere della Polonia è che sono cattolicissimi. Ma del tipo che ho visto farmacie che non esponevano i preservativi, preferendo nasconderli nel cassettone più nascosto di tutti, protetti dai sette sigilli di Salomone.
Però poi per il centro di Wroclaw (e di Pozan e di Torun e di Danzica) trovi queste ragazze in minigonna fucsia e ombrellino in tinta che distribuiscono volantini per una catena di nightclub agli uomini non accompagnati. Continua a leggere

9 commenti

Archiviato in Film, polonia, viaggio

“Andiamo in Polonia” (6 di 15; Wroclaw terra di gnomi)

Riassunto: mai arrivare troppo presto in aeroporto, ma andate a Cracovia che è bella, basta stare attenti agli italiani idioti e alle vespe fuori dalle miniere di sale

In Polonia se vai in rosso la banca ti manda Chuck Norris a casa.

La prima cosa che uno dovrebbe sapere di Wroclaw è che non si pronuncia “vroclav”, ma “frotsuav” (ascolta). Se dovete andare in Polonia è bene iniziare ad allenarvi presto a pronunciarlo perché non è così semplice come sembra. Il nome tedesco è Breslau, ed è decisamente più comodo, ma siccome la città è passata di nuovo alla Polonia solo dopo la seconda guerra mondiale e solo dopo che Hitler decise di farne una roccaforte radendo al suolo più o meno tutto quello che non serviva a scopi militari, capirete che non è il caso di usare il nome tedesco, da cui deriva poi quello italiano che è Breslavia. Ma ovviamente se dici “Breslavia” non ti capisce nessuno.
Se guardi la cartina, Cracovia e Wroclaw non sono molto lontane, ma il treno ci mette circa quattro ore e mezza e il pullman più veloce ce ne mette tre. Sulle prime credevo che la signorina dell’ufficio informazioni non avesse capito bene la città, invece è proprio così. I tempi di viaggio all’interno della Polonia sono decisamente rilassati.
La mattina della partenza siamo proprio spiaciuti di lasciare Cracovia e il terrore di esserci giocati per prima la carta migliore e di essere costretti da lì in poi a trascinarci stancamente da una Viseu all’altra è fortissimo. Per consolarci, alla stazione delle corriere ci adeguiamo a tutti gli altri viaggiatori e acquistiamo “la ciambella del viaggiatore”, una ciambella di pane coperta di semi che, ognuno nella sua versione preferita sembrano portarsi in viaggio tutti quelli che vediamo.
Ovviamente, il viaggio è una parentesi grigiastra di cui ricordo pochissimo, se non due signore che hanno parlato ininterrottamente per tutte e tre le ore.
Quello che ricordo benissimo è l’assalto frontale del caldo appena sceso dal pullman. Roba da trentacinque gradi e umidità all’ottanta percento, esattamente il mio clima preferito, specialmente dopo quattro giorni di piacevole fresco e caldo sopportabilissimo nelle ore più calde della giornata.
Per risparmiarci lo sbattimento di trovare un bus che ci porti in centro, facciamo la signorata di prendere un taxi. Quando riprenderemo il taxi per andare dall’albergo alla stazione scopriremo un miracolo che si ripeterà altre volte: il tragitto stazione-albergo costa il doppio di quello di ritorno, quando il taxi te lo chiama l’albergo. Tonni noi che ci facciamo fregare come i peggio bambini: il tassametro nascosto dalla leva del cambio con la tariffa notturna invece di quella diurna. Grazie al cambio favorevole euro-zloty, in ogni caso spendiamo meno di taxi in due settimane di Polonia che nei due tragitti casa-stazione e stazione-casa a Genova. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in polonia, viaggio