Mamma mia let me go

Come disse Napoleone,  solo grandi uomini commettono grandi errori. Io aggiungo: da questi ultimi li riconoscerete.
(Wu Ming, 54)

Ho una tradizione che cerco di rispettare, quella dei post su Freddy Mercury il 24 o il 25 novembre (2005– 2007– 20082009).
Quest’anno credo che debba toccare a quel monumento al kitsch che è Barcelona. Non la canzone. Stolti. L’intero disco con Monserrat Caballe. Una delle operazioni discografiche più sciagurate di sempre. Lasciate che i Veri Fan vi facciano una testa così con il connubio tra pop e musica classica. Tanto è tutta gente che prima o poi è finita a sentire i Rhapsody o Bocelli.
La verità è che Barcelona è, dal primo all’ultimo minuto, un disco imbarazzante. Ma di un imbarazzo brutto. Quel genere di imbarazzo che di solito comprende odori corporali, tonno e fagioli, un ascensore e un vostro diretto superiore.
Barcelona sono otto canzoni otto. A parte un pezzo piano e voce, in tutti la trama è la stessa: c’è un pezzo pop su cui a un certo punto interviene gorgheggiando la Caballe. Che immagino essere una grandissima cantante nel suo genere. Ma è come il lardo di Colonnata nel caffè. Sono due cose buone ma non c’entrano nulla l’una con l’altra.
Il momento forse più allucinante è quello che segue. Pigiate play, intanto che leggete.

In pratica, abbiamo questo pezzo che parte un po’ come una ballata queeniana. Poi, il colpo di genio. Il coro gospel.
Sudori freddi. Brividi.
Mercury dispiega la voce da par suo. Lei è, beh, fa quello che può. È una cantante lirica. Secoli e secoli di tradizione di bel canto non si possono mica tirare via da un’ugola allenata da anni e anni di esercizi. E quando poi è lei a duettare con il coro. Beh, non lo so. Mi domando come diavolo abbiano fatto a convincere i dirigenti della Polydor a dare i soldi per fare una cosa del genere. Immagino che qualcuno doveva avere perso una scommessa. E tutto il disco, cercatevelo se non l’avete mai sentito, è più o meno così.

Ma. C’è un ma.
Barcelona è al tempo stesso un monumento alla grandezza di Freddie. Che in questo mare di ridicolo (che credo fosse impossibile che non riuscisse a vedere) si erge fiero e spavaldo. In fin dei conti quella di fare un album con lei è stata un’idea sua. Ed è strano pensare alla parabola che ha fatto: a scuola disegnavi per ore Jimi Hendrix, poi da sfigato ragazzo indiano con i dentoni sei diventato un’androgina icona glam-rock prima e un cameriere italiano (come si lamentavano i fan che inviarono lamette da barba e boccette di smalto al fan club ai tempi della prima foto con i baffi) poi; sei caduto nella polvere trascinando i tuoi compagni di band nella disco music appena cinque anni dopo il boom, poi hai avuto in mano il mondo sul palco di Wembley al Live Aid, hai conquistato gli stadi e platee di mezzo mondo tu, il tuo baffo e la tua asta del microfono rotta fino a che un medico non ti ha messo in mano la condanna a morte. E a quel punto che fai, quando tutti i progetti sono diventati di colpo, tutti quanti, urgenti? Ti butti anima e corpo in un progetto assurdo, brutto, sgraziato, acqua e olio che proprio non ne vogliono sapere di stare insieme.
E, vaffanculo a tutti, lo fai meglio che puoi. E più lei non c’entra niente, più le canzoni sono sbagliate, pacchiane, improponibili, più la tua voce  diventa l’unica cosa a cui valga prestare orecchio lì in mezzo.
E così sorride, in queste canzoni, il caro vecchio Freddie. Perché più si infila in questo pastrocchio per cui scomoda persino Tim Rice, più diventa gigantesco. Il disco è orribile, ma la voce di Freddie Mercury suona più immensa che mai.
La calata del sipario ha risparmiato a lui l’orrore dei Pavarotti & Friends dal parco Novi Sad di Modena, diretta conseguenza di questo disco, e a noi quello di vederlo duettare con Pavarotti in Bohemian Rhapsody  (in compenso l’hanno fatta Bruce Dickinson e Monserrat Caballe. Guess what? Fa abbastanza schifo).

Annunci

7 commenti

Archiviato in musica

7 risposte a “Mamma mia let me go

  1. Non avevo mai avuto il coraggio di sentire sto disco.

    Porca miseria se ho fatto bene!
    Altro che caffè col lardo, qui siamo alla peperonata di cozze con panna e ciliegina!

  2. Anch’io il disco per intero non l’ho mai ascoltato, vista l’obbrobriosità della title track. Ho sentito ora, visto che hai postato il video, The Golden Boy, che mi pare pure peggio. Non oso sentire il resto. Ma visto che sei documentato:
    1) come mai di tutte le idee assurde, Mercury ha voluto cimentarsi nella più assurda?
    2) ho il vago sospetto che possa aver venduto il singolo, ma il disco no. Lo dico perché, ai tempi di anche-il-maiale-ascolta-i-Queen, cioè all’indomani della morte di Mercury e relativo dilagare di GH I e II, non si trovavano in giro manco per il cazzo né Barcelona né Mr Bad Guy. Lo so perché un mio amico si fece comprare il secondo da suo padre che andò per lavoro in Giappolandia, e il primo invece nisba.

    • 1) Pare che fosse follemente innamorato della voce della Caballe e che quando gli si è presentata l’occasione di fare qualcosa insieme (nello specifico, un inno per le Olimpiadi del 1992) non si sia voluto risparmiare (cfr. Peter Freestone). In realtà credo fosse più o meno l’unico progetto che aveva in mente al di fuori dei Queen (tra l’altro, da solo, Freddie è quello dei tre che ha fatto i dischi peggiori – il migliore è Roger, poi, ma molto poi, Brian. John, salvo un singolo, non pervenuto – e che ha collaborato meno con altra gente).
      2) Nel 1988 l’album fu abbastanza un fiasco. Ha avuto una ristampa nel 1992 che è andata un po’ meglio (figuriamoci). Mr Bad Guy in cd non credo di averlo mai visto in nessun negozio.

      • In negozio nemmeno io. E’ strano pero’ che non l’abbiano mai ritirato fuori, visto l’avvoltoismo spietato attorno a Mercury. Comunque, tornando a pacchianate pompose, credo che per quanto ridicolo sia questo album, Rick Wakeman con Journey To The Center Of The Earth abbia fatto di peggio, visto quanto è tronfio, serioso e peggio ancora, doppio. Non so, credo sia uno dei quattro o cinque più orrendi dischi di sempre. E al confronto Barcelona pare un concerto dei Ramones del ’77.

  3. Io Mr.Bad Guy ce l’ho in cidi da sempre, non credevo fosse una rarità. Anche Barcelona, ma ha tre dita di polvere sopra. Però devo dire che Guide Me Home/How Can I Go On quando le risento mi fanno pure piacere.

    • Oddio, raro-raro non credo. Semplicemente dopo la prima edizione in cd del 1990 immagino non sia mai stato ristampato, visto che poi dopo la morte di Freddie venne, per così dire, rimpiazzato dal Freddie Mercury Album.
      Tra l’altro c’è dentro Man Made Paradise che mi piace da morire e che doveva essere su The Works (venne scartata per Is this the world we created, dimmi te)

  4. non criticate troppo le due star(freddie e montserrat)hanno lasciato un impronta,nel loro canto divino!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...