Prima di andare a Genova – 2. Missili, sacchi e sangue

[Dieci anni dopo, diamo un’occhiata a che facce avevano gli italiani prima di andare a Genova per spaccarne o per farsele spaccare]

Quell'espressione un po' così

Il 20 giugno 2001 sul Corriere della Sera usciva un articolo che iniziava così:

Dall’ ufficio del generale Ievgheni Murov, capo degli 007 russi incaricati di vegliare sulla personalità del potere, è partito un messaggio con precedenza assoluta. «Osama Bin Laden ha lanciato minacce contro la vita del presidente George Bush jr». L’attacco terroristico potrebbe avvenire a Genova, in occasione del vertice G8. E l’ allarme russo si è intrecciato con i segnali raccolti dai servizi di sicurezza occidentali. In particolare una serie di lettere inviate da Osama, nascosto nel suo rifugio afghano, agli uomini infiltrati in Europa. Uno scambio epistolare, ha confermato una fonte mediorientale al Corriere, svoltosi subito dopo il mistero del progettato attentato contro l’ambasciata degli Stati Uniti a Roma. «Ringrazio i fratelli in Italia…», scrive il principe saudita, considerato l’ispiratore di mille trame. Altre lettere – in realtà ordini – hanno portato, in queste ore, alla scoperta di almeno due complotti, in aree geografiche diverse, riconducibili alla nebulosa del terrore che si nasconde sotto l’ampio – e sempre comodo, per tutti – mantello di Osama.

All’epoca, Osama bin Laden era ancora un personaggio noto solo a chi leggeva le pagine degli esteri dei giornali. La Stampa (che ha un archivio fantastico) ne parla per la prima volta il 28 novembre del 1996 e poi di nuovo solo due anni dopo. Certo, a febbraio del 2001 compaiono anche articoli come questo, che letti oggi sembrano più che profetici: “Le vie parallele di Bin Laden e di Saddam“.
Ma diciamo che all’epoca l’idea di un attentato clamoroso nel mezzo di una città occidentale sembrava davvero un’ipotesi fantasiosa e poco più che un ulteriore tassello aggiunto al puzzle delle grande paranoia che si stava preparando sotto la Lanterna. Intanto, però, all’aeroporto venne installata una batteria di missili terra-aria. Misura già prevista dal governo Amato, sotto cui venne presa la decisione di tenere di G8 a Genova.

Il giorno dopo, le autorità italiane si premurano di far sapere di avere ordinato 200 body bag, i sacchi per i cadaveri, e di avere predisposto un obitorio d’emergenza in uno degli ospedali cittadini.

Un mese prima, sempre il Corriere aveva titolato così in prima pagina:

Allarme dei servizi: «Guerriglia anti G8 con sangue infetto»
I servizi segreti lanciano l’ allarme sul G8 di Genova: si temono azioni con «armi non convenzionali». Frange estremistiche anarchiche potrebbero usare palloncini con sangue infetto e aerei telecomandati. Ma il «popolo di Seattle» chiede spazi per la protesta non violenta

Di tutte le stronzate dette nei giorni precedenti al G8, questa è forse la più ridicola. Perché la fai facile a dire “gavettoni di sangue infetto”. Il sangue deve essere fresco, perché fuori dall’organismo umano l’HIV muore abbastanza alla svelta. Quindi i gavettoni li devi preparare al volo e nella concitazione può non essere esattamente semplice.
Ma tant’è la notizia, confezionata chissà da chi, finisce sui giornali e capita che ci sia gente che debba anche rispondere a domande al proposito, nelle interviste.
Se queste erano le voci che si mettevano in giro pubblicamente, possiamo solo immaginare che cosa girasse confidenzialmente nelle caserme di polizia, carabinieri, guardia di finanza.

(la prima puntata è qui)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Prima di andare a Genova, società

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...