Stronzi.

Quanto al no alla equiparazione matrimoni-unioni, Alfano sottolinea di sottoporre “questioni di buon senso. È ad esempio inutile imporre un obbligo di fedeltà nell’unione civile”.

Oltre alla stepchild adoption, l’altra fissa dei conservatori italiani baciapile era il terrore che le unioni civili assomigliassero troppo al matrimonio.
Perché in effetti se i due istituti sono sovrapponibili, non c’è motivo di averne due e tanto vale uniformare tutto al matrimonio civile. E, razionalmente, non ci sarebbe alcun motivo per cui lo stato, essendo laico (almeno sulla carta) non possa riconoscere i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Volendo, senza neppure toccare la costituzione, che parla di “coniugi” e non di “marito e moglie” (però è una cosa un po’ oziosa: dubito che i costituenti, nel 1948, fossero così lungimiranti, ma semplicemente davano per scontato che “coniugi” indicasse un uomo e una donna) (certo, in Spagna per introdurre i matrimoni tra persone dello stesso sesso hanno cambiato “marito e moglie” in “coniugi” nella loro costituzione).
Razionalmente.
Ma non possiamo ignorare l’elefante in mezzo a piazza San Pietro.
Così, l’idea che lo stato possa riconoscere pari diritti ai sodomiti e alle tribadi è semplicemente fantascienza.
Siccome le forze politiche che dovrebbero essere progressiste o sono troppo deboli o sono troppo stupide o non sono, tocca andare a chiedere il permesso al baciapile per fare sì che si riconosca uno straccio di diritto anche a chi non è “normale”.
E ovviamente, a quel punto, te la fa cagare.
Sul piano pratico, ti dice di scordarti che una coppia di persone dello stesso sesso possa adottare il figlio naturale di uno dei due. Dici: “e quelle coppie che già si trovano in questa situazione?”. Quelle sono pregate di fare, cattolicamente, alla vecchia maniera: tenete la testa bassa e ringraziate il Cielo che non vi mandiamo i servizi sociali a portare via il pargolo.
Sul piano simbolico, ti chiede di baciargli le scarpe.
E ti fa levare questa cosa della fedeltà, che fa troppo matrimonio. Cito dal Post:

Una sentenza del 2008 della Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione ha anche dato una particolare interpretazione del concetto di fedeltà: «L’obbligo della fedeltà è da intendere non soltanto come astensione da relazioni extraconiugali, ma quale impegno, ricadente su ciascun coniuge, di non tradire la reciproca fiducia ovvero di non tradire il rapporto di dedizione fisica e spirituale tra i coniugi, che dura quanto dura il matrimonio». In questa sentenza il concetto di “fedeltà” è molto simile a quello di” lealtà” e, si legge, «impone di sacrificare gli interessi e le scelte individuali di ciascun coniuge che si rivelino in conflitto con gli impegni e le prospettive della vita comune. In questo quadro l’infedeltà affettiva diventa componente di una fedeltà più ampia che si traduce nella capacità di sacrificare le proprie scelte personali a quelle imposte dal legame di coppia e dal sodalizio che su di esso si fonda».

In pratica, se passerà la legge così, lo stato dice a delle persone “il vostro rapporto è un po’ un capriccio, non avete quella dedizione che si chiede agli altri, quelli normali”.
Di fatto, l’unione civile diventa una specie di coinquilinaggio.

Ora, il Bomba come sceglie di raccontare questo accordo al ribasso, una cosa che nella migliore delle ipotesi va considerato come un piede nella porta?

Così:

A questi livelli di perculamento credo che nemmeno Berlusconi sia mai arrivato.

Comunque, come al solito, hanno vinto tutti.
Renzi può dire di avere fatto approvare le unioni civili.
Alfano e Giovanardi possono dire di avere impedito l’utero in affitto e, in generale, l’ennesima crisi di pianto isterico a Gesù e alla Madonna (i quali, detto tra noi, magari trarrebbero giovamento da una terapia con dei farmaci, se c’hanno ‘sta voglia di piangere costante).
I grillini possono dire che il PD ha preferito fare patti con Alfano.
Tutti.
Va beh, quasi tutti.
Ma non staremo davvero a credere che si faccia politica per i bisogni dei cittadini, n0?

1 Commento

Archiviato in politica, società

Una risposta a “Stronzi.

  1. Mitchthefly

    Hanno vinto tutti… Di “spietato marketing sulla pelle della gente” ne avevo già parlato? ;-) Da questa legislatura non ci si può aspettare nulla di decente; non che nutra molta fiducia per eventuali legislature future, eh… Ma in una certa misura, forse, ce lo meritiamo pure perché per ogni spunto valido (come i tuoi post – modalità: “attestato di stima” on), ci sono migliaia di cervelli vuoti. Al mattino mi guardo intorno sull’autobus e vedo tutti ‘sti asociali con lo smartphone in mano; nell’incantevole mondo di Miche, uno penserebbe: “beh, non hanno interazione col prossimo ma, almeno, utilizzano lo strumento per informarsi, per approfondire, per farsi un’opinione, per maturare una coscienza che ci porti ad una situazione migliore”. Poi, arriva, prepotente, l’Italia del 2016 e mi dice: “sto cazzo, stanno giocando”… Ciao Ale, oggi sono ottimista. :-)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...