Archivi categoria: Libri

Il Movimento e il movimento

Sì, c’entra anche lui

Il movimento No Tav esiste, in varie forme, dalla fine circa degli anni Ottanta circa. In questi trent’anni si è costituito come un’entità incredibilmente attiva e radicata, capace di esprimere un’opposizione al progetto contro cui si batte che non è limitata alla caricatura che ne fanno i detrattori.
Purtroppo, da quando è al governo, il movimento 5 stelle, nel suo dichiararsi “No Tav” non ha fatto altro che dare in pasto ai mass-media esattamente la caricatura “nimby” che tanto va per la maggiore.
Prova ne è Di Maio che in Abruzzo, sparando cifre a caso sul tempo di percorrenza in treno tra Roma e Pescara, dice che una Tav andrebbe invece fatta lì, dimostrando di non avere idea, appunto, delle ragioni No Tav e del loro non essere legate alla sola realtà valsusina.
Un racconto delle ragioni del Movimento No Tav, delle sue origini, di quello che ha prodotto, delle sue prospettive e della sua demonizzazione è stato pubblicato da Wu Ming 1 e si intitola Un viaggio che non promettiamo breve. Da ottobre dello scorso anno, come altri libri di WM, è disponibile per il download gratuito in vari formati.
Certo, è una lettura lunga, ma bisogna farsene una ragione: se un tema è complesso, non si può esaurire a slogan.
Né si può ridurre l’esperienza del Movimento No Tav al tragico dilettantismo (nella migliore delle ipotesi) dei cinque stelle.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Libri, politica

I libri letti nel 2018 – il meglio

Stando a Goodreads (che va bene il ritorno al blog, ma Anobii non è più cosa) (comunque c’è gente che usa ancora last.fm, ho visto) nel 2018 ho letto 93 libri. La lista dettagliata con i voti si trova là, qui faccio solo un riassunto dei titoli che si sono meritati secondo me il massimo dei voti.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Libri, Uncategorized

Fantascienza non è una parolaccia

Ragazze elettriche di Naomi Alderman è un bel romanzo di fantascienza, che traccia una bella parabola (beffarda) sul potere, sul rapporto tra i generi e persino su come la storiografia sia un riflesso del mondo che la produce.

Solo, stona un po’ che nelle prime tre righe dell’aletta dell’edizione italiana si sia sentito il bisogno di dire che non è proprio un romanzo di fantascienza, eh. E comunque ha anche vinto un premio!

Ma, no: Ragazze elettriche è un romanzo di fantascienza (proprio da definizione, perché c’è una spiegazione scientifica del fenomeno che racconta), che sarebbe potuto tranquillamente uscire in Urania o per Zona 42 (per la quale è di recente uscito un romanzo di Alessandro Vietti che presenta un simile intreccio tra potere fisico, politico e costruzione della verità, appunto Il potere).

Ripetiamolo tutti insieme: “fantascienza non è una parolaccia”

4 commenti

Archiviato in Libri

Zappe, spade e ragazzi morti

È vero che per le cose legate alla scrittura ho un blog a parte, Dorso di Carta, ma è anche vero che un aggiornamento anche qui male non fa.

zappa-e-spada-front-web (1)

Cajelli, De Feo, Fantoni, Gonnella, Hoffmann, Lanzoni, Leonardi, Mala Spina, Mana, Mazza, Nerdheim, Vicenzi. Questa la lista dei rinnegati che hanno dato vita a “Zappa e Spada”, la prima antologia al mondo di racconti Spaghetti Fantasy! Ecco la fantasia eroica all’italiana, quella con pochi soldi per gli effetti speciali, ambientata in una contrada fantastica popolata da furfanti e villani, avventurieri senz’arte né parte e paladini male in arnese, fratacchioni e fattucchiere… insomma: braccia rubate all’agricoltura, e restituite al campo di battaglia. Perché quando l’uomo con la zappa incontra l’uomo con la spada… nasce lo SPAGHETTI FANTASY!

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Libri, paperback writer, Uncategorized

La Stanza Profonda

9788858127377_0_0_1520_80

Parlare di un libro come “La stanza profonda” (d’ora in poi LSP) di Vanni Santoni mi mette un po’ in imbarazzo, per una lunga serie di motivi.
Il primo è che LSP è un libro sui giochi di ruolo e una delle cose che scopri dopo un po’ che giochi di ruolo (voce del verbo “giocare di ruolo”) è che di giochi di ruolo (sostantivo) non si parla con chi non gioca. Ti risparmia un sacco di noiose spiegazione al termine delle quali l’interlocutore comunque decide che sei un cretino.

INCISO
Una volta metto su un gruppo musicale con un amico (al quale effettivamente mai avevo parlato di GdR). Un giorno siamo lì che chiacchieriamo con il chitarrista solista, che conosciamo da un paio di settimane, e lui in una frase dice una cosa tipo “in quei casi devi avere un senso del dovere da Cavaliere di Solamnia”. Al che io abbocco e faccio: “Uh, Dragonlance! Grande!”.
Lui annuisce e dice “Bene, quindi giochi. Se non avessi colto il riferimento non avrei mai più tirato in ballo i giochi di ruolo”.
(Diventò poi il nostro master in una campagna che rendemmo molto più interessante andando a confidarci con quello che credevamo il nostro amico più fidato e che invece avrebbe dovuto essere chiaro che si trattava del vero cattivo di tutta la faccenda).

Invece ora non solo esce un romanzo che ha in copertina un d20 (un solido regolare a venti facce triangolari, per la gente normale) e che parla di gdr, ma che per giunta finisce candidato al Premio Strega (non che abbia particolare interesse per i premi letterari, ma va da sé che danno un +3 alla visibilità del libro) e viene letto e recensito anche da gente che, probabilmente, nella sua “stanza profonda” non ci è mai entrata.
Ora, non si tratta di affermare spavaldi che “i nerd hanno vinto”, cosa che da qualche anno si sente ripetere sia tra chi ha da sempre frequentato dadi e mondi fantastici sia, soprattutto, tra chi non lo ha mai fatto. La situazione è ben più complessa, come riconosce anche Vanni Santoni nel libro (ne avevo parlato in un post di qualche tempo fa), e i toni trionfali sono un po’ fuori luogo.
No, dovete piuttosto considerare che fino a non moltissimo tempo fa, se sentivi parlare di giochi di ruolo fuori dall’ambiente era per cose del genere:

Quarant’anni fa, i giochi di ruolo in Italia non avrebbero trovato alcun seguace: perché i giovani un ruolo lo avevano davvero, fatto di responsabilità e progetti, nella società. Quindici anni fa, in America, il gioco della Torre e del Dragone venne tolto dal commercio; noi lo abbiamo trasformato in gioco di ruolo, e portato in Italia con grande successo, come tanta altra immondizia d’importazione.
Può un gioco portare al suicidio? E può un suicidio giovanile essere assistito? La risposta è sì, ad entrambi i quesiti.

Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in Libri

Carlo Cane è pronto a credere in voi

cdc

Fare l’indagatore dell’incubo può sembrare una buona idea, se non hai un lavoro, il tuo cognome è Cane e il tuo nome inizia con la stessa lettera.
Ma quando Carlo Cane decide di inscenare una messa nera in una chiesa diroccata per attirare l’attenzione della televisione non può immaginare le conseguenze delle sue azioni
Tra vecchi partigiani, un cane, ragazze sboccate, star della seconda serata televisiva, beghine, comunisti, un vescovo (anzi, un arcivescovo), storici dell’arte, vigili urbani, gerarchi nazisti, streghe, bariste, chiese diroccate e parecchi gatti, un racconto sovrannaturale ambientato tra Genova e il suo entroterra, ambientato nello stesso universo narrativo delle Storie dello Spadaccino.

Carlo Cane è pronto a credere in voi.

Quest’anno Dylan Dog ha compiuto trent’anni di vita editoriale, un evento festeggiato, tra l’altro, con il ritorno di Tiziano Sclavi alla scrittura, Dopo un lungo silenzio.
Siccome ho un grosso debito, a più livelli, con l’indagatore dell’incubo di Craven Road, volevo in qualche modo celebrare a mio modo questa ricorrenza. E quale modo migliore se non scrivere una storia che inizia con un coetaneo di Dylan Dog, ma genovese, che decide di darsi anche lui alla carriera di indagatore dell’incubo? Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Libri, paperback writer

Il diritto ad avere successo senza essere famosi

tumblr_lt3zjsovpv1qbvqgko2_500

In una “lettera aperta” all’autrice, Sandra Ozzola aveva infatti sostenuto che la curiosità dei suoi lettori avrebbe meritato “una risposta più generale, al di là delle interviste ai giornali, non solo per placare chi perdersi nelle ipotesi più inverosimili sulla tua vera identità, ma anche da un sano desiderio da parte dei tuoi lettori […] di conoscerti meglio.”

Era nata così La Frantumaglia, il saggio sedicentemente autobiografico dal quale i lettori hanno appreso che la scrittrice ha tre sorelle, che la madre era una sarta napoletana incline a esprimersi “nel suo dialetto”, e che lei aveva vissuto a Napoli fin quando non ne era “scappata via” avendo trovato lavoro altrove. La mia inchiesta ha dimostrato però che niente di tutto questo corrisponde alla vita personale della scrittrice.

Insomma, la prima a violare la privacy di Elena Ferrante è stata… Elena Ferrante. Ma lo ha fatto fornendo ai suoi fan informazioni assolutamente non vere, per di più su richiesta di quegli stessi editori che oggi mi attaccano per aver fornito invece dati veri. (via)

Di tutto il bailamme attorno all’inchiesta del giornalista Claudio Gatti che ha verificato intrecciando dati finanziari una delle ipotesi sull’identità reale della persona che firma dei libri con il nome di Elena Ferrante, mi stupisce e incuriosisce la dedizione, degna di migliore causa, con la quale Gatti (volevo scrivere “il giornalista” per non ripetere il cognome, anche perché ho un amico con lo stesso cognome e mi sembra di stare parlando di lui, però se scrivevo “il giornalista” mi sembravo uno di quelli che usano il termine in senso dispregiativo) difende il suo operato.
Andare a ravanare nei conti di una casa editrice e delle persone a essa collegata per scoprire l’identità di una persona che nonostante il suo grande successo preferisce vivere una vita il più lontano possibile dai riflettori è un gesto che appartiene più al gossip che non al giornalismo di inchiesta.
Tant’è che pure Luca Sofri, che difende l’operato di Gatti, la mette – inconsciamente – giù così:

Perché raccontare chi sia Elena Ferrante non è diverso da raccontare il divorzio tra Brad Pitt e Angelina Jolie – e probabilmente più interessante -, o chi fosse Gola Profonda.

Prima il gossip, poi, alzando il tiro vertiginosamente, l’identità della fonte dei cronisti dello scandalo del Watergate. La cui vera identità ci aiuta nella comprensione della realtà esattamente come quella di Elena Ferrante.

Claudio Gatti (che ha un curriculum giornalistico di tutto rispetto, ma io ho fatto il portiere e ho introiettato questa cosa che se hai fatto dieci miracoli e poi hai preso un gol da pirla negli spogliatoi tutti ti chiederanno conto del gol da pirla) insiste con questa idea che in qualche modo sia tutta colpa di “Elena Ferrante” stessa, che avendo successo avrebbe perso il suo diritto all’anonimato e, mentendo per proteggerlo, avrebbe ulteriormente “provocato” le indagini sul suo conto.
È questo aspetto che da molti, sia lettori sia altri giornalisti, per lo più all’estero, è stato visto – con diverse sfumature e approcci – come un atto di violenza nei confronti di una persona che, appunto, chiedeva solo di essere lasciata in pace (una breve rassegna è stata assemblata dai Wu Ming su twitter); tanto più con l’utilizzo di un metodo decisamente invasivo e “brutale”, se paragonato per esempio al più approfondito tentativo recente, quello di Marco Santagata, tutto basato sull’intreccio di biografie.
Come mi sembra feroce raccontare persino la vita della madre della presunta persona dietro a Elena Ferrante: storia tragica e affascinante certamente, ma che la persona più titolata a raccontarla (nel caso l’identificazione fosse stata vera) aveva deciso di non raccontare e magari aveva i suoi motivi. Invece, SBAM, è il giornalismo bellezza. Tra l’altro Gatti, da buon giornalista investigativo, ha una prosa che sembra sempre stia incastrando qualcuno e a un certo punto ti viene quasi paura che stia cercando una macchina del tempo per segnalare gli spostamenti della famiglia ebrea alle autorità competenti.
Anche nell’inchiesta pubblicata sul Sole 24 Ore, il tono è quello di qualcuno che sta incastrando un mascalzone che inganna noialtra brava gente che andiamo in giro con il nostro nome e cognome (omissis e corsivi miei):

[…] le prove da noi raccolte puntano il dito su [omissis], traduttrice residente a Roma la cui madre era un’ebrea di origine polacca […]

[…] (anche se non si può certamente escludere che Starnone abbia dato un rilevante contributo intellettuale). […]

[…] Nessuno di questi dettagli corrisponde alla vita di [omissis]. Come la madre di Elsa Morante, la sua era infatti un’insegnante, non una sarta. E non era affatto napoletana. […]

Da non giornalista, mi domando se ne valga la pena: una volta che tutte le tue indagini conducono a confermare che “Elena Ferrante” non è lo pseudonimo di qualcuno di famoso, non è una scelta di marketing o una qualche altra forma di “inganno” per confezionare meglio un prodotto, ma che puntano a una persona il cui nome conoscono giusto un po’ di addetti ai lavori (che magari già sapevano tutto senza bisogno che arrivavi tu a scomodare il catasto) e quelli che leggono il frontespizio o il colophon dei libri… perché andare avanti?
Ti sei levato la curiosità, che giustamente è quello che spinge il tuo lavoro ed è giusto e bello che sia così, ma che senso ha trascinare sotto i riflettori chi stava evidentemente chiedendo di starsene in pace lì dietro le quinte?
Chi te ne dà il diritto?

In un tempo in cui sappiamo tutto di tutti ben più di quanto vorremmo, in cui siamo arrivati, santissimi numi, alle Facebook-stars non è bello pensare che qualcuno riesca a restare in incognito, a non parlare veramente se non attraverso quello che scrive?
Che riesca, come si augurava George Harrison, ad avere successo senza essere famoso?

ps: il primo commento all’inchiesta di Gatti è molto affascinante nella sua semplicità (è tutta una questione di tempismo: ci arrivi dopo avere letto un muro di testo e…)

schermata-2016-10-04-alle-22-32-34

Ho riso molto (sono una persona semplice)

Lascia un commento

Archiviato in Libri, società