Archivi tag: bufale

Non si dicono le bugie

gattobugia1

bùfala s. f. [da bufalo]. – 1. La femmina del bufalo: mozzarella di bufala; uova o ovoline di bufala, latticinio fresco, fatto con latte di bufala. 2. Nome di alcune razze di frumento turgido coltivate in Sicilia. 3. fig. a. Svista, errore madornale; affermazione falsa, inverosimile; panzana. b. roman. Produzione, e spec. spettacolo, scadente, di scarso valore: quel film è una bufala!

bùfala mediàtica  locuz. sost. f. – Notizia falsa che viene ripresa e amplificata dai media. Il saper riconoscere una notizia non rispondente al vero è una delle basi del giornalismo, ma le tecnologie digitali di comunicazione hanno molto accelerato la diffusione di una bufala mediatica. L’espressione può indicare anche, impropriamente, fenomeni come la voce (rumor) e la leggenda metropolitana. La b. m. può diffondersi intenzionalmente o per errore, dovuto alla carenza di verifiche sulle fonti della notizia, e la concorrenza fra i media può accentuarne gli effetti. Essa può anche mettere in luce le debolezze e la scarsa affidabilità del sistema dei media, nonché le imprevedibili conseguenze, dato che la successiva dimostrazione della non veridicità di una notizia non necessariamente ne arresta la diffusione.

Le parole si possono rompere, con l’uso?
Probabilmente sì. Prendete “bufala”. Le due definizioni vengono dal sito della Treccani; la prima dal Vocabolario, la seconda dal Lessico del XXI secolo.
Entrambe contengono la menzione dell’involontarietà: effettivamente, fino a qualche anno fa, ho sempre associato le “bufale” a fraintendimenti, incomprensioni, semplificazioni, in un ambito semantico che confinava con quello della leggenda urbana.
Piero Pelù interprete della sigla televisiva di Jeeg Robot d’Acciaio.
Billy Corgan attore in Vicky.
Il cucchiaino nella bottiglia di spumante per non farlo sgasare.
Però è sempre stato, come riporta il Lessico, un termine strettamente giornalistico.

Da qualche anno, grazie alla diffusione dei social network (ma poi principalmente di Facebook), le informazioni che non corrispondono necessariamente a stati di realtà hanno iniziato a moltiplicarsi e diffondersi a un ritmo vertiginoso. E non più solo o prevalentemente per sbadataggine o incompetenza, ma per calcolo.
Che sia economico (come messo in luce da Paolo Attivissimo e David Puente) o politico o entrambi, come nel caso della rete di siti pallonari della Casaleggio Associati / Movimento 5 Stelle, dietro alla diffusione di notizie false c’è dell’interesse.
Chi ha iniziato per primo a interessarsi a mettere un po’ d’ordine nella massa di informazioni che circolava in rete senza controlli ha, probabilmente per formazione, utilizzato quasi da subito il termine giornalistico, appunto “bufala”. Che è rimasto attaccato a questo tipo di comunicazione, creando un curioso corto-circuito.
L’informazione falsa di successo ha due caratteristiche: è semplice (riduce la complessità degli eventi a uno schema semplicissimo buoni/cattivi) e conferma le convinzioni del suo pubblico si riferimento. Quindi, per dire, funziona benissimo, in un paese intimamente e inconsciamente razzista, qualsiasi falsità che riguarda la Kyenge che augura cose brutte all’Italia, perché conferma il preconcetto che in quanto negra non può essere davvero italiana e la fa diventare una persona crudele che odia gli italiani. Specularmente, in un paese che tutto sommato spera sempre in un Uomo della Provvidenza che metta a posto le cose un Putin che deride la politica italiana non può che fare sfracelli.
Invece, spesso la realtà (come meglio possiamo approssimarla) è complessa e non accomodante con le nostre aspettative. Si crea così una polarizzazione tra la notizia falsa (semplice, comprensibile dalla gente) e la sua confutazione (complicata, richiede attenzione).

Risultato?
“Bufala” inizia a diventare una parola che identifica chi la usa come “non-gente”: il debunker è accusato di essere pagato da qualcuno, di lavorare al servizio dei famigerati “poteri forti”, di cercare di confondere le idee con i paroloni. Se una volta “bufala” era un dato di fatto, ora è un’opinione. Tu dici che quella è una bufala perché non capisci che davvero la Kyenge vorrebbe costringere gli italiani ad andare in giro con il lucido per le scarpe in faccia perché la pelle bianca le fa schifo e anche se non l’ha mai detto (ma chi lo sa, cosa dice agli amici allo zoo) potrebbe comunque pensarlo.
Quindi, “bufala” è una parola che ormai ha perso ogni potere al di fuori di chi la usa.
È una parola che si è rotta, non può più aiutarci a incidere sul reale, sulla percezione del mondo che le persone hanno.

Questo post nasce dalla lettura di un post sul tumblr di Idee per scrittori, che ho usato per mettere in pratica un’idea che avevo da tempo. Ho creato un filtro con un’estensione di Chrome, Word Replacer, grazie al quale ora quel testo si legge così:

A proposito di bugie, questa devo proprio raccontarla. Sta girando una bugia su Cecile Kyenge. Secondo un articolo tratto da un sito internet che non pubblicizzo, la Kyenge avrebbe detto, subito dopo l’attentato a Berlino: “I mercatini di Natale sono un’offesa per le altre religioni, andrebbero vietati”. Dopo aver verificato l’inattendibilità della notizia, ho segnalato la bugia a diverse persone e in diversi gruppi. Purtroppo alcuni utenti di Facebook mi hanno risposto che i disseminatori di bugie “hanno fatto bene, perché la Kyenge è stata un pessimo ministro”. Di fronte alle domande di coloro che chiedevano le ragioni di questo giudizio severo, quasi nessuno ha fornito spiegazioni. Dico “quasi” perché uno si è giustificato così: “Fanno bene a diffondere bugie su di lei. La Kyenge è pessima perché ha detto che l’Italia avrebbe bisogno di un attentato”. Controllo e naturalmente scopro che anche questa è una bugia. Quindi, riassumendo, ecco la situazione. Alcuni individui si sono fatti un’opinione negativa di Cecile Kyenge a suon di bugie. Tale opinione è diventata una sentenza definitiva che secondo loro rende lecita la diffusione di ulteriori bugie. Tutto questo è allucinante.

A me sembra che “bugia” funzioni straordinariamente. Funziona semioticamente, perché chi ha messo in giro la notizia ha detto una bugia, che è un’affermazione che si sa non corrispondere a uno stato di realtà.
Ma soprattutto funziona a livello inconscio. “Bugia” è uno dei primi concetti negativi che impariamo, è una parola semplice e modesta che esprime un’azione piccola e, per lo più, meschina. Non è “menzogna”, che già riempie la bocca e ben si presta a essere tuonata.
“Bugia” funziona per anni quando siamo piccoli.
Forse potrebbe tornarci utile anche oggi che, in teoria, dovremmo essere cresciuti.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in politica, società

Webeti

14138228_372444699781786_5627631519503241482_o

Lo screenshot viene dalla pagina FB “Enrico Mentana blasta lagggente!!!”

Il terremoto che ha colpito l’Italia centrale mercoledì è il primo grande evento tragico che colpisce l’Italia da quando la grande macchina della costruzione di menzogne a scopo pubblicitario e politico su internet si è imposta come modello di creazione dell’opinione popolare. Il terremoto emiliano del 2012 arrivò quando questo processo era ancora in fieri e il livello delle sciocchezze rimase circoscritto (anche se certo, la convinzione che ci fosse qualcosa di strano perché l’Emilia non è terra sismica e quindi il terremoto doveva essere colpa di qualcuno tenne parecchio banco).
Da anni, una quantità imprecisata ma non trascurabile di italiani si è riversata sul web senza avere gli strumenti per sapere distinguere un sito di notizie affidabile da uno che sfrutta titoli a effetto e mezze verità per raccontare menzogne.
Il risultato di questo processo è in questi giorni terribilmente sotto gli occhi di tutti. Ed è fatto di “immigrati in albergo a cinque stelle italiani nelle tendopoli”, “hanno abbassato la magnitudo per non pagare i danni”, “Putin manda 10.000 uomini ad Amatrice”, “Destiniamo il jackpot del Superenalotto ai terremotati”.
Il fatto che quest’ultima idea, infattibile per un sacco di motivi, sia stata addirittura rilanciata da un partito, Fratelli d’Italia, la dice lunga su quale sia lo stato delle cose.

Enrico Mentana, che da qualche settimana si è messo a rispondere a tono ai commentatori più sciocchi su Facebook, ha coniato un neologismo semplice ma efficace, per indicare queste persone: webete.
È vero che la diffusione di stronzate ha trovato sicuramente terreno fertile in un Paese che già da decenni si era abituato a un’informazione prevalentemente televisiva e prevalentemente pessima. Ma il particolare intreccio di ignoranza, aggressività, populismo becero, ripetizione a pappagallo di notizie false prese da fonti improbabili è una mutazione che è completamente figlia di un ecosistema informativo nuovo, che ha al centro il web.
Un sistema che produce quelli che tempo fa proponevo di chiamare gasparri, in onore di quello che del club dei webeti ha sicuramente la tessera numero uno.
Mi cito:

Ora, lungi da me difendere a spada tratta in toto il sistema dei media tradizionali, però questi hanno in potenza (e non sempre applicano) un meccanismo virtuoso, quello del gate keeping. I “guardia di porta” sono quelle figure che decidono che cosa viene messo in circolo nel sistema dell’informazione e cosa no. Dico che è potenzialmente virtuoso perché dei gate keeper illuminati, in un mondo ideale, applicando sia i criteri di notiziabilità sia le buone pratiche del giornalismo (tipo considerare vera una notizia solo se proviene da almeno tre fonti autonome), possono tenere pulito il flusso delle informazioni. Ovviamente questo modello ideale deve fare i conti con la realtà, con gli interessi economici e politici del mondo dell’informazione e tutto quanto; però sulla carta un sistema basato sulla limitatezza fisica del supporto (le pagine di un giornale, i minuti di un notiziario) è potenzialmente più virtuoso di uno basato sulla virtuale assenza di limiti fisici e barriere economiche all’entrata, che può invece fare affidamento solo sul buon senso dei suoi autori.

Non mi stupisce che sia gente del “vecchio media” a denunciare questa deriva: non per una questione di gap generazionale puro e semplice, ma proprio per una questione di metodo. Se ti sei formato in un mondo in cui fare informazione voleva dire seguire certe norme, questa anarchia deve sembrarti ancora più folle. Poi, certo, il mondo del giornalismo non ha fatto molto per evitare quello che gli stava arrivando addosso e forse non l’ha nemmeno visto arrivare.
Nel 2000 ho dato un esame di economia, a Scienze della Comunicazione. Un modulo era sull’economia dei quotidiani. Quelli cartacei. Come ha detto poi un mio amico “era come se stessimo studiando le carrozze mentre Ford progettava il Modello T”. Nel libro c’era giusto un ultimo capitoletto, svogliato, sulle “sfide del web” o qualcosa del genere. Ma diceva semplicemente una roba tipo “sì, cambierà un po’ il metodo di distribuzione, uno potrà farsi il giornale con le notizie che interessano a lui, ma il processo di costruzione dei contenuti resterà invariato”. Quindi è probabile che per anni gli economisti siano andati dagli editori a dire “tranquilli, stamperete un po’ meno e venderete degli abbonamenti digitali”.
Intanto, i cancelli venivano scardinati, i loro guardiani derisi e appesi per i pollici. Il contenuto sostituito dal titolo (un annoso problema anche della carta stampata, ma ormai portato a un’arte: spesso il click-baiting prevede un titolone sensazionale a cui non corrisponde poi un articolo altrettanto sensazionale. Per esempio, il titolo dei 10.000 uomini mandati da Putin rimanda poi a un articolo che riporta semplicemente il comunicato della Russia che si dichiara pronta ad aiutare l’Italia).
Ora che i buoi sono scappati e non sono manco più in vista, non possiamo fare altro che constatare quello che è successo. E combattere piccole scaramucce di retroguardia.
Sperando, una volta di più, che non succeda mai in Italia un attentato di qualsiasi tipo, perché in un contesto sociale di simile ignoranza e violenza latente diffusa, i postumi saranno ancora peggio dell’evento stesso.

Lascia un commento

Archiviato in società, televisione

Oh, ma sei proprio un Gasparri

Un po’ è colpa anche mia.
Ho iniziato a usare quasi quotidianamente internet alla fine del 1998. Avevo appena iniziato l’università e avevo a disposizione un laboratorio informatico con connessione illimitata (a dire il vero la cosa era preclusa alle matricole, ma mi ero fatto fare la password prima che la circolare venisse diffusa e nessuno mi ha mai sgamato).

[Parentesi storica per i più giovani: nel 1998 avere internet a casa era mediamente scomodo perché dovevi pagare un abbonamento per potervi accedere, quando navigavi tenevi occupata la linea telefonica e la connessione ti costava a scatti come una telefonata urbana. Ecco, ora sembro mio padre quando raccontava che lo mandavano a comprare il ghiaccio]

Non sono stato un vero e proprio early adopter, però nel 1998 eravamo circa 4.000.000, un quinto di oggi.
Accedere a internet, allora, era un’esperienza a suo modo sconvolgente: di colpo, avevi a disposizione TUTTO. Potevi leggere giornali stranieri online, accedere a gruppi di discussione che andavano dal triviale all’esoterico, scoprire che c’era gente che aveva messo in piedi siti personali dedicati a quasi qualsiasi cosa ti venisse in mente. Tutto quello che restava fuori dall’imbuto dei media tradizionali, costituito da limiti fisici, economici, culturali, lì c’era.
Le parole “cerca su internet, lì trovi tutto quello che qua non trovi” devo averle pronunciate almeno una volta.

Oggi, il panorama è radicalmente cambiato: internet è un’esperienza quotidiana per un numero sempre crescente di persone e il filtro “tecnico” che rendeva pubblicare informazioni su un sito non accessibile a tutti è stato neutralizzato.
Credo che sia stato Beppe Grillo uno dei più grandi divulgatori dell’uso della Rete in Italia, intesa come Bengodi grazie alla quale risparmiare (Skype, per esempio) e in cui informarsi da fonti libere e indipendenti che raccontano quello che gli altri non dicono.
Ora, lungi da me difendere a spada tratta in toto il sistema dei media tradizionali, però questi hanno in potenza (e non sempre applicano) un meccanismo virtuoso, quello del gate keeping. I “guardia di porta” sono quelle figure che decidono che cosa viene messo in circolo nel sistema dell’informazione e cosa no. Dico che è potenzialmente virtuoso perché dei gate keeper illuminati, in un mondo ideale, applicando sia i criteri di notiziabilità sia le buone pratiche del giornalismo (tipo considerare vera una notizia solo se proviene da almeno tre fonti autonome), possono tenere pulito il flusso delle informazioni. Ovviamente questo modello ideale deve fare i conti con la realtà, con gli interessi economico e politici del mondo dell’informazione e tutto quanto; però sulla carta un sistema basato sulla limitatezza fisica del supporto (le pagine di un giornale, i minuti di un notiziario) è potenzialmente più virtuoso di uno basato sulla virtuale assenza di limiti fisici e barriere economiche all’entrata, che può invece fare affidamento solo sul buon senso dei suoi autori.

Ce lo dimostra il proliferare di sitacci come “Il corriere del mattino” o simili, che mescolano notizie vere ad altre false, allo scopo di attirare quanti più clic possibili e/o influenzare l’opinione pubblica tramite la disinformazione, il più delle volte a sfondo razzista o comunque discriminatorio. Riuscendo per giunta a volte a farsi riprendere dalla stampa tradizionale o da senatori della Repubblica.
Il successo di questi cumuli di letame ha le sue radici proprio nell’antico mito a cui anche io ho contribuito, in buona fede: quello che su internet puoi trovare quello che nessuno ti dice da altre parti.
Solo che, beata ingenuità, all’epoca in pochi pensavamo che a volte se una cosa non la dice nessuno è perché è falsa.

Cosa si può fare?
La prima cosa è diffondere un po’ di sana consapevolezza del mezzo, identificando i siti che pubblicano fregnacce. Una lista da cui partire è quella di BUTAC. Ma basterebbe usare un po’ di buon senso (se una notizia ce l’ha solo “Il corriere del mattino delle notizie vere” è una cazzata. E diffonderla chiedendo “Ma sapete se è vero?” o per deriderla fa solo il loro gioco – anche se non mettete il link)
La seconda è iniziare a usare “Gasparri” per etichettare tutti gli scemi che ci cascano.

Lascia un commento

Archiviato in internet, società